Downloads | Links | Contatti | Mappa sito
Home
Carta dei Suoli
Banca Dati
Pedoclima
Progetti
Pedositi
Progetti > Desertificazione > Definizioni
Typic Udivitrand on pumices, Mt. Vico

Definizioni

 

La desertificazione è definita nella Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta contro la desertificazione il "degrado delle terre nelle aree aride, semi-aride e sub-umide secche". La Convenzione, e con essa la definizione di desertificazione, è stata ratificata dal governo italiano con la legge n. 170 del 4 Giugno 1997. Alla definizione della UNCCD fa direttamente riferimento l'allegato tecnico della convenzione fra il Ministero dell'Ambiente e l'ISSDS per la realizzazione dell'Atlante Nazionale delle aree soggette a desertificazione. E' difficile però racchiudere in questa definizione tutti i fenomeni di degrado del suolo che agiscono in Italia nei differenti ambienti. Per identificare con maggior chiarezza quali situazioni il progetto dovesse identificare nell'Atlante, si sono adottate delle definizoni più precise, distinguendo fra aree desertificate, sensibili e vulnerabili.

Come terre desertificate si sono intese le aree che, nelle regioni a clima arido, semi-arido e sub-umido secco, mostrano “sterilità funzionale”, cioè aree dove l’attività agricola e forestale non è attualmente economicamente o ecologicamente sostenibile.

Nelle terre vulnerabili, le caratteristiche ambientali sono vicine a quelle delle aree a sterilità funzionale, ma alcuni fattori, ad esempio la copertura vegetale o l’irrigazione, mitigano con successo la desertificazione. 

Le aree sensibili sono quelle superfici dove i processi che portano alla desertificazione sono attivi, sebbene le terre non siano ancora divenute a sterilità funzionale.

 

 

Particolare di aree sensibili e vulnerabili alla desertificazione. Sullo sfondo, la presenza di piccole aree già desertificate testimonia la fragilità complessiva del territorio.